22.3 C
Comune di Casarano
giovedì, 26 Maggio, 2022.
spot_img
spot_img

Ucraina, l’appello in tv di una famiglia salentina per salvare la piccola Sonya

Maria Antonietta e Antonio sono disperati. Da quattro anni, in estate, accoglievano, nella loro casa di Maglie, la piccola ucraina Sonya. La famiglia sarebbe disposta a ospitarla con la madre e i suoi fratelli, ma non riesce in nessun modo a raggiungere la città dove vive, a 80 chilometri da Kiev.

“Vi prego, portatemi in salvo da qui, stanno bombardando la nostra casa”. Questo messaggio lo ha scritto dal proprio telefono a quello di Antonio, lo scorso 25 febbraio, Sonya, dieci anni, una bambina ucraina che vive a Ivankiv, a 80 chilometri da Kiev, quasi al confine con la Bielorussia.

La famiglia affidataria si è subito attivata cercando supporto nei canali istituzionali, ma non ha ricevuto nessuna risposta. Maria Antonietta e Antonio (originario di Casarano) hanno allora pensato a una soluzione alternativa cercando un canale sicuro che potesse portare Sonya e la sua famiglia ucraina lontano dall’orrore della guerra. Per questo hanno attivato una raccolta fondi che in poco tempo ha visto tantissime adesioni. L’auspicio è quello di poter arrivare a loro emulando lo sforzo fatto da un’associazione di Napoli (l’associazione “Fratello Sole”) che è tra le poche riuscite a portare in Italia i primi bambini ucraini.

Per raggiungere la piccola, che per loro è come una figlia, hanno anche raccontato la storia di Sonya in tv, nella trasmissione “I fatti vostri” su Rai 2, per cercare di sensibilizzare le istituzioni e chiedere aiuto.

I Fatti vostri – L’appello di Maria Antonietta e Antonio

 

 

 

 

- Pubblicità -spot_img

Ultimi articoli